Al Dott. Luciano Monaci,
 
quale responsabile pro tempore dell’Ufficio GARU
 
 
p.c.   al Sindaco e alla Giunta di Massa Marittima
 
p.c.   al Responsabile della Polizia Locale
 
p.c.   alla Procura della Repubblica di Grosseto
 
 
 
 
Egregio Dott. Monaci,
 
nelle vesti di Consigliere Comunale del Gruppo “Lista Civica MASSA COMUNE”, sono ad esporLe quanto appresso e a chiederLe di conseguenza.
 
 
 
In data 16.07.2015, mi sono recato presso l’Ufficio Urbanistica del Comune di Massa Marittima per ritirare copia degli atti richiesti con prot.8897 del 29 Maggio.
 
Tali documenti, però, dopo oltre un mese e mezzo, NON ERANO COMPLETI.
 
Avevo chiesto semplicemente di poter verificare se determinati interventi edilizi erano stati – o meno – autorizzati dalla Soprintendenza.
 
Mi hanno consegnato le AUTORIZZAZIONI ma non i progetti (né il semplice dettaglio degli interventi) a cui le stesse si riferivano.
 
Come fare, dunque, a capire che cosa riguardavano quelle autorizzazioni?
 
Ho chiesto, allora, alla Responsabile – l’architetto Assuntina Maria Messina – di integrare quanto ero in procinto di ritirare, rammentandole che la mia richiesta era stata avanzata quale Consigliere Comunale.
 
Per tutta risposta, Ella mi si è rivolta dicendo ad alta voce [presenti Priami e Contino] di NON MINACCIARLA ed ha disposto di chiamare la POLIZIA URBANA.
 
Poi mi ha chiuso letteralmente in faccia la porta della sua stanza.
 
Sono sceso nell’androne ed ho telefonato anch’io ai Vigili, chiedendo di essere presente al loro eventuale giungere in Comune.
 
Arrivati gli Agenti, mi sono recato insieme a loro all’Ufficio Urbanistica.
 
Ebbene, l’architetto Messina (colei che aveva richiesto l’intervento delle Forze dell’Ordine) NON C’ERA e, nonostante sia stata raggiunta al telefono, NON E’ RIENTRATA.
 
 
Ciò detto, sono a chiederLe la documentazione attestante la timbratura/stimbratura effettuate dall’arch. Messina in data 16.07.2015, intorno alle ore 10,30, con la certificazione delle eventuali ragioni della sua assenza dal posto di lavoro.
 
Ipotizzo che, e sarà mia cura promuovere ogni opportuno accertamento, col suo assentarsi dall’Ufficio, l’arch. Messina si sia macchiata del reato di “Interruzione di pubblico servizio” di cui all’art.340 c.p.
 
 
 
Con preghiera di un rapido riscontro.
 
 
Grazie.
gabriele galeotti
 
 

Lascia un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento


Entra
IL NOSTRO SPOT
Categorie
GRAZIE PER LA VISITA