2 Commenti a “ANAGRAMMANDO”

  • Roberto Ovi says:

    Stralcio dell’articolo di Mattia Feltri, intitolato L’AULA VUOTA. UN CENTINAIO DI ELETTI E SILENZIO SURREALE PER L’ULTIMO ATTO, pubblicato stamane sul quotidiano La Stampa

    —-

    Ciò che mi chiama di qui davanti a voi non è una responsabilità giudiziaria, ma giustamente una responsabilità politica, per le scelte politiche che ho fatto alla guida del mio ministero” ha detto Lupi centrando la questione, sebbene considerasse più inevitabile che giusto l’abbandono.
    Ha rivendicato il lavoro di quasi due anni, linee programmatiche e risultati, sapendo che non sarebbe servito a nulla visto che gli altri avevano già scritto le loro repliche, vaghe ed immutabili. Per esempio il capogruppo del PD Roberto Speranza. Non pare che avesse capito molto della vicenda. Ha infilato una serie miserella di “esprimiamo fiducia nell’iniziativa della magistratura“, di “sgomento nell’opinione pubblica“, di “auspicio di fare chiarezza“, di frasette prese dai baci perugina della politica.


    —-

    Se questo è il capogruppo parlamentare, aggiungo io, è chiaro qual è il livello politico e culturale della classe dirigente del PD?

  • Roberto Ovi says:

    In una puntata di servizio pubblico, forse quella del 22 Gennaio ultimo scorso, pochi giorni prima dell’inizio delle votazioni per l’elezione del nuovo Presidente della Repubblica, il capogruppo PD Roberto Speranza affermava di sentire forte la responsabilità del proprio partito, che aveva circa 450 grandi elettori, tanti quanti ne aveva De Gasperi nel 1948.
    Il buon Speranza dimenticava solo alcune cose:

    – 30 dei suoi grandi 450 grandi elettori provengono dalle assemblee regionali, eletti per la prima volta nel 1970

    – 420 sono parlamentari (deputati e sanatori) ottenuti con il premio di maggioranza. che è scattato al 30% complessivo dei voti, conseguiti alle elezioni nazionali del Febbraio 2013. Questo ha consentito al PD ed ai suoi alleati (SEL e Centro Democratico) di ottenere il 55% dei seggi alla Camera dei Deputati;

    – I 436 parlamentari eletti nel 1948 dalla DC, furono ottenuti con il 48,5% dei voti. E si votava con il proporzionale puro !!
    http://it.wikipedia.org/wiki/Elezioni_politiche_italiane_del_1948

    Nel 1953 fu approvata la cosiddetta (dai comunisti) legge truffa

    http://it.wikipedia.org/wiki/Legge_elettorale_italiana_del_1953

    che assegnava il 65% dei seggi alla coalizione che avesse ottenuto il 50% più uno dei voti.
    Quindi si assegnava un premio a chi aveva ottenuto la maggioranza assoluta dei voti.
    Come la chiamerebbero oggi, i comunisti, la legge porcellumm, con la quale abbiamo votato dal 2006 al 2013, o l’italicum, che il buon Renzi vorrebbe approvare a breve? ultratruffam ?
    Per me possono procedere. In Italia al ridicolo, ed al divertimento, non c’è proprio limite. Buona fortuna

Lascia un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento


Entra
IL NOSTRO SPOT
Categorie
GRAZIE PER LA VISITA