LA NAZIONE

29 marzo 2014

Panorama politico

 

 

INIZIATIVA IL NUOVO ORGANISMO, NATO PER VOLERE DI NOVE IMPRENDITORI, PROMUOVERÀ I PRODOTTI LOCALI Doc Maremma Toscana, nasce il consorzio

 

 

Tutelare una delle eccellenze della Maremma e promuoverne l’affermazione al di là dei confini locali. E’ questa la filosofia del Consorzio della Doc Maremma, il nuovo organismo è nato ufficialmente ieri per tutelare un marchio, la denominazione di origine controllata dei vini «Maremma Toscana», riconosciuto dal 2011. Proprio ieri è stato sottoscritto l’atto costitutivo e lo statuto del Consorzio che metterà insieme le aziende private più strutturate e le cooperative di piccoli produttori, per valorizzare questa Doc, che secondo quanto previsto dalla normativa europea è destinata a diventare una Dop (denominazione di origine protetta). Il Consorzio è nato per volontà di nove promotori, ed è aperto a tutti i produttori della provincia di Grosseto che rivendicano la Doc. «Si tratta di un momento di svolta per la nostra viticoltura — sottolinea il presidente della Provincia, Leonardo Marras — con la nascita del Consorzio dei vini della Maremma Toscana sarà possibile portare avanti politiche di tutela più efficaci e stare con maggiore forza sui mercati. Un percorso in cui la Provincia ha creduto fin dall’inizio. La Doc oggi ha raggiunto numeri importanti, con una produzione annuale che sfiora i 100mila quintali di uva e i 67mila quintali di vino. L’obiettivo adesso è quello di promuovere la massima adesione, fino a raggiungere una rappresentatività di oltre il 60% dei produttori di Doc Maremma». A firmare l’atto costitutivo, in rappresentanza di tutto il comitato promotore, sono stati: Osvaldo Allegro, presidente della cantina cooperativa «I Vini di Maremma», nominato temporaneamente presidente del Consorzio in attesa dell’assemblea; Fiorella Lenzi, proprietaria dell’azienda agricola Serraiola dell’area Monteregio di Massa Marittima, vicepresidente del consorzio; Renato Finocchi, presidente della cantina cooperativa di Pitigliano; Adio Assunto Marretti, presidente della cantina cooperativa Agrimaremma; Benedetto Grechi, presidente della Cantina cooperativa dei Vignaioli del Morellino di Scansano; Michele Zonin in rappresentanza dell’azienda Rocca di Montemassi; Simona Ceccherini proprietaria dell’omonima azienda; Giuseppe Mantellassi, della Fattoria Mantellassi; Giovan Battista Basile, dell’azienda Basile.

 

 

Lascia un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento


Entra
IL NOSTRO SPOT
Categorie
GRAZIE PER LA VISITA