LA NAZIONEbutton delete
26 ottobre 2013 
Sanità

 

 

 

«Asl accorpate e SdS chiuse»

 

 

 

“Speriamo che il taglio triennale di 50 milioni di Euro sui trasferimenti statali per la sanità imponga finalmente alla Regione Toscana di accorpare le USL ed eliminare le Società della Salute”. 

 

Queste le dure dichiarazioni del coordinatore del movimento civico “Massa Comune” Oscar De Paoli, espresse anche a nome dei consiglieri comunali della medesima associazione, da tempo severo censore di sprechi ed inefficienze burocratiche che, a suo dire, comportano rilevanti spese e moltiplicazione di inutili poltrone, che si ripercuotono spesso in minori servizi per i cittadini.

 

Mentre in altre regioni di centro sinistra, come in Emilia Romagna, puntualizza De Paoli, si procede senza indugio su questa strada, l’amministrazione regionale toscana, come si evince dalla bozza del Piano Integrato Socio Sanitario attualmente in discussione, non prende nessuna decisione in questo senso, mantenendo in essere stipendi dirigenziali di centinaia di migliaia di Euro ciascuno.

 

Ma è sulle Società della Salute, ed in particolare quella locale della Colline Metallifere, presieduta dall’assessore Luciano Fedeli, che si concentrano le critiche del coordinatore di “Massa Comune”, che individua nel consorzio incaricato di gestire l’assistenza socio sanitaria territoriale un ente burocratico di nessuna utilità per i cittadini.

 

L’assessore Fedeli, continua De Paoli, sollecitato anche dagli ex consiglieri comunali Ovi e Cappelloni, non è stato ancora capace di fornire informazioni sull’attuazione del Punto Unico di Accesso ai servizi e sulla costituzione dell’Unità di Valutazione Multidisciplinare, che avrebbe dovuto predisporre i Piani di Assistenza Personalizzati per anziani e persone non autosufficienti, né di dare spiegazione sulla fallimentare gestione del Telecentro delle Colline Metallifere, in cui la Società della Salute si era inserita all’inizio del 2012 con l’intento, finanziato con i fondi FAR Maremma, di “modellare l’erogazione di alcuni servizi”.

 

Poiché Fedeli pare essere un importante candidato alla carica di Sindaco per la maggioranza di sinistra, conclude De Paoli con un accorato appello, appare quanto mai opportuno che elettori e forze politiche di opposizione si incontrino e lascino da parte personalismi ed egoismi per garantire un vero ricambio alla guida del nostro Comune, in grave difficoltà politiche e finanziarie per scelte scellerate compiute in passato.

 

 

 

2 Commenti a “«Asl accorpate e SdS chiuse»”

  • Roberto Ovi says:

    Ottimo intervento, Oscar.
    Sarebbe ottimo se il tuo appello finale fosse sottoscritto da quanti credono sia opportuno un ricambio della classe dirigente, soprattutto di maggioranza, del nostro Comune.
    Spero proprio di sbagliarmi, ma credo che l’altro gruppo di apparente minoranza, di cui hanno dato recentemente conto alcuni quotidiani, non intenda accogliere il tuo invito.
    Ma io non me ne preoccuperei troppo. Non vedo quale valore aggiunto possano portare ad una coalizione tesa al rinnovamento coloro che volevano chiudere Amatur, e poi si sono messi in gioco nella gestione, che si lamentavano degli elevato costi del COSECA, salvo poi votare in un paio di occasioni l’aumento delle relative tariffe del servizio di raccolta e spazzamento dei rifiuti, che accusavano la maggioranza per il progetto dell’area Ex Molendi, per il quale avevano votato a favore, per le gestioni associate conferite alla Comunità Montana Colline Metallifere, per le quali hanno assunto posizioni diverse e contrastanti in almeno due occasioni (risorse umane e protezione civile). E di cui farebbe parte qualcuno che chiedeva di realizzare un’intervento edificatorio su un’area di cui si definiva, in modo verosimilmente molto improprio, proprietario.

  • Oscar De Paoli says:

    Effettivamente i comportamenti di PRI e PDL  li considero “bonariamente” originali.

    Non dimentichiamoci la separazione consensuale post elettorale, che vide lo scisma al primo consiglio comunale.

    La mancanza di chiarezza che tu evidenzi in queste forze politiche locali è sintomatica del disordine psichico di certe figure.

    Chi decide di farsi rappresentare da certi personaggi dovrebbe fare esame di coscienza e lavarsi i denti col sapone, PD compreso naturalmente.

Lascia un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento


Entra
IL NOSTRO SPOT
Categorie
GRAZIE PER LA VISITA