complesso

 

Ieri la Direzione del PD, oggi le poche considerazioni che si possono fare.

 

Senza ben sapere neppure lui dove era diretto, Bersani ha continuato a cercare un alleato politico.

 

Ma il suo stesso partito, quello che poco dopo avrebbe approvato la sua relazione con solo un astenuto, aveva già deciso.

 

Non a caso si è iscritto a parlare un certo D’Alema ed ha letteralmente smentito la linea di Bersani.

 

«Non dobbiamo avere il complesso dell’inciucio – ha detto D’Alema – e il PD potrebbe cercare un accordo con il PDL a patto che non ci sia di mezzo Berlusconi».

 

D’Alema e il PD vorrebbero quindi quello che si è soliti chiamare “governissimo”.

 

Oppure un governo tecnico. Ma senza Bersani.

 

 

 

 

2 Commenti a “Il “complesso” dell’inciucio”

  • Laomedea says:

    il pd è tanto gretto da non aver capito che la sua unica speranza sarebbe stata renzi

  • Roberto Ovi says:

    D’Alema auspica un accordo con il PDL, purchè senza Berlusconi. Il solito vizio comunista di scegliersi, con risultati spesso non brillanti, non solo gli alleati, ma anche gli avversari.
    Credo che D’Alema, che non è certo uno sciocco, immagini possibili sviluppi futuri, forse a breve termine, anche di natura non necessariamente politica, che indeboliscano Berlusconi, rendendo possibile l’alleanza.
    Come diceva Andreotti, a pensar male si fa peccato, ma quasi sempre ci si azzecca.
    Sarà interessante verificare come Matteo Renzi approverebbe questa possibile evoluzione degli eventi, che potrebbe costargli molto cara dal punto di vista elettorale e per la propria credibilità personale.

Lascia un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento


Entra
IL NOSTRO SPOT
Categorie
GRAZIE PER LA VISITA