tratto da   www.iltirreno.it
23 Dicembre 2012
di Enrico Pizzi

 

 

È soddisfatto per il lavoro fatto nei suoi primi cinque anni da deputato, ed è pronto a un nuovo mandato per poter mettere a frutto l’esperienza maturata: il parlamentare del PdLuca Sani fa un bilancio della sua attività e lancia la propriacandidatura alle primarie per il Parlamento.

 

Sani sottolinea in particolare l’impegno giocato in commissione agricoltura, ma anche sulle questioni che hanno riguardato in modo più specifico il territorio della provincia di Grosseto. Così, ricorda le due proposte di legge presentate, per la creazione dell’Ente Laguna di Orbetello e per il riconoscimento dei parchi archeologici minerari che, in tempi di spending review rischiano seriamente il taglio delle risorse necessarie a farli andare avanti. L’ultimo impegno di Sani, in ordine di tempo, è stato quello volto a cercare di dare risposte alle popolazioni alluvionate di Albinia.

 

«Ho trovato – racconta – grande disponibilità da parte di altri parlamentari toscani del Pd, e anche di qualcuno del Pdl, abbiamo strappato 250 milioni di euro con un emendamento approvato alla Camera, più altre risorse che si sono aggiunte con un altro emendamento al Senato».

 

In realtà c’è poco tempo per parlare del passato, le primarie per la candidatura al Parlamento incombono. «Ho condiviso l’idea delle primarie da sempre – dice Sani – perché penso che chi fa politica debba confrontarsi periodicamente con il proprio elettorato, e poi facciamo le primarie anche per sottolineare la nostra diversità dal Pdl: volevamo cambiare il porcellum, ma ce l’hanno impedito, adesso ci rimettiamo al giudizio dei nostri elettori».

 

Sani, bersaniano, non nega «il contributo di idee e di partecipazione dato da Matteo Renzi», ma quello che, proprio, non accetta è che si riproponga, in questa fase, la contrapposizione tra bersaniani e renziani. Ci sono alcuni punti del programma di Bersani su cui Sani vorrebbe proseguire nel suo impegno parlamentare. Il tema delle infrastrutture, dopo la battaglia per trovare le risorse per eliminare il pedaggio dalla Tirrenica per i residenti, c’è da lavorare sul fronte del tracciato; il tema dell’agroalimentare e del turismo, con la necessità di «mettere più in relazione l’agricoltura con l’agroalimentare, trovare le risorse che agevolino le aggregazioni di imprese attraverso il sistema cooperativo, i contratti di filiera… per quanto riguarda il turismo, abbiamo già ottenuto molto sulle concessioni demaniali, ma c’è ancora un grande lavoro da fare».

 

Nella corsa per la candidatura, Sani gioca la carta dell’esperienza. «In questa fase – dice – per il Pd potrebbe davvero andare al governo del Paese e la mia esperienza acquisita in questi anni da parlamentare, le relazioni costruite, che non si creano in poco tempo, possono permettere al territorio grossetano di svolgere un ruolo più incisivo: l’esperienza di 5 anni può costituire un valore aggiunto».

 

 

 

3 Commenti a “Bilancio da Deputato”

Lascia un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento


Entra
IL NOSTRO SPOT
Categorie
GRAZIE PER LA VISITA