Archivi per la categoria ‘Turismo e Commercio’

°

°

°

Tratto da “La Nazione” del 20.06.2014

°

bottega 20062014°

 

 

 

Clicca e guarda

CORRIERE DI MAREMMA

26 novembre 2013

 

 

La pagina web di Amatur ferma al 2012

Neppure una riga sul “Novembre grosso”

 

 

MASSA MARITTIMA “Benvenuti in Alta Maremma, questo è il sito giusto per la prenotazione delle vostre vacanze”. In realtà la pagina web di Amatur è sempre la stessa da unannoemezzo e fra cittadini e albergatori scoppia la polemica. Immersa nei colori blu, bianco e verde, viene promossa un’importante iniziativa, “Massa Antiquaria”, una mostra di oggetti di antiquariato e vintage; peccato che l’evento si è svolto dal 12 al 21 luglio 2012. A far notare il malfunzionamentoè lapresidente del consiglio di frazione Donatella Raugei, sorpresa che il principale sito di promozione turistica delle Colline Metallifere nonsponsorizzi la manifestazione attualmente in corso “Novembre grosso”. “Su questo evento – protesta la Raugei – organizzato con i proventi della tassa di soggiorno, Amatur non ha scritto niente e neanche ha postato niente sulla sua pagina facebook. Oltretutto il suo socio dimaggioranza è il Comune, quindi Amatur avrebbe il dovere di appoggiare e sponsorizzarealmassimol’iniziativa. Viene da riflettere sul perchè siano stati spesi soldipubblici per creare profili e aggiornare i siti internet se poi niente di tutto ciò è stato fatto. Forse la retenonè considerata abbastanza rilevante per promuovere eventi eappuntamenti che si svolgono sul territorio?”. L’ultimo tweet risale ad agosto mentre i post su facebook sono di ottobre scorso. “Se Amatur è privo di contenuti perchè continuiamo a tenerlo in piedi?”. Le polemiche legate a questa società a responsabilità limitata sono iniziate qualche anno dopo la sua nascita e non si sono mai attenuate. Amatur avrebbe l’importante ruolo di organizzare manifestazioni ed iniziative turistiche, promuovere e valorizzare gli operatori del settore turistico, artigianale e culturale locale, fornire informazioni agli utenti sulle strutture ricettive e le offerte turistiche del territorio e organizzare visite guidate e convegni. “Cisono 5 hotel e 14 agriturismi – conclude Donatella Raugei, proprietaria anche lei di una struttura a Vivoli – dei quali solo 8diMassaMarittima mentre gli altri sono 2 di Gavorrano, 2 di Scarlino e 2 di Monterotondo.Ma allora, su circa 200 attività ricettive del Comune solo13 sono gestite da Amatur? E tutti i massetani devono pagare per questa società di promozione che neanche pubblicizza il Novembre grosso?”. La polemica è sicuramente destinata a non esaurirsi tanto presto.

 

QUESTO L’ARTICOLO DEL NOVEMBRE SCORSO- NON E’ CAMBIATO NIENTE!!!!

°

°

°

Tratto da “La Nazione” del 13.05.2014

°

Ascom 12052014°

Clicka per ingrandire

 

 

 

Fonte: CORRIERE DI MAREMMA

08 maggio 2014

Turismo, ancora polemiche su Rossi

 

GROSSETO____ Stavolta lo scontro e forte e non si ferma alla forma. Il “brand Maremma”, solo o in compagnia, questa volta mette d’accordo tutta (o quasi) la classe politica grossetana. C’è voluta però la presa di posizione del presidente della Camera di commercio di Grosseto Giovanni Latnioni a far rinascere uno spirito di corpo che altrove e in altri momenti era stato invece volutamente messo da parte in nome di interessi superiori. Oggi, invece, intorno a quelle dichiarazioni che hanno rispedito al mittente la “lezione” del governatore Enrico Rossi su come e quando promuovere il territorio, tutti (o quasi) si sono ritrovati d’accordo. Politica e istituzioni. Lo hanno fatto senza indugi da destra (Ncd, Fratelli d’italia e Forza Italia), lo hanno fatto convintamente le forze imprenditoriali ed economiche della provincia. Lo ha fatto lo stesso Pd per bocca di Leonardo Marras, anche se più in veste di presidente della Provincia che da esponente di partito. Provincia che in questi hanno ha intrapreso un percorso unico e strategicamente rilevante di promozione del brand Maremma insieme a Lamioni e all’ente camerale da lui presieduto. La stilettata più tagliente nei confronti di Rossi è arrivata proprio da Marras quandonei giorni scorsi ha parlato di “mancanza di una strategia regionale di valorizzazione dei territori toscani”. E se non c’è una strategia regionale, tanto vale promuovere il territorio con le proprie forze e con le proprie idee. Una polemica che non si ferma in superficie, ma entra a toccare la “carne viva”. Una difesa neanche troppo velata del governatore Rossi che ha ribadito la supremazia di territori di Siena, Pisa e Firenze e una risposta altrettanto forte, e dovuta, della classe politica e soprattutto istituzionale maremmana. Il tutto con con le elezioni regionali sullo sfondo. In politica le cose non succedono mai per caso. A Livorno, che di brand da vendere ne ha pochino, Rossi probabilmente non avrebbe mai rilasciato dichiarazioni così nette. La Maremma, al contrario, è terra ricca di ogni ben di dio ma è “povera di voti”. Non sarà certo Grosseto a spostare gli equilibri politici di una regione storicamente e convintamente “rossa”. L’isolamento di cui giustamente parla Luca Agresti (Forza Italia) nasce proprio da quel “peso relativo” della Maremma. Ma nella vita, come recita una canzone, tutto cambia. ” Cambia ciò che èsupkrficiale, cambia ciò che è pii profondo, cambia il modo di pensare, cambia tutto quanto il mondo”.

°

°

°

Tratto da “LA Nazione” del 05/05/2014

°

appello

°

Clicka per ingrandire

Tratto da “La Nazione” del 17.04.2014

°

Cavilli 16042014

ò

°

 

°

Tratto da “La Nazione” del 16.04.2014

°

Steet Food 16042014°
clicka per ingrandire

 

°

°

 maria

°°

Non appena si è diffusa la notizia che Massa Comune provvederà, dopo le elezioni, a dotare Massa Marittima di una cartellonistica degna dell’importanza della nostra cittadina, è salita la preoccupazione per le sorti del prezioso cartellone pubblicitario che da oltre 30 anni accoglie i turisti a Massa Marittima.

°

Massa Comune ha intenzione di preservare l’importante opera e di esporla in un nuovo museo di arte contemporanea che sarà ospitato in uno degli innumerevoli locali pubblici abbandonati dalla nostra cara amministrazione.

°

Da oggi, inoltre, è ufficialmente aperta la ricerca della misteriosa Maria e del suo amante. Chiunque abbia notizia della loro storia d’amore si faccia avanti!

 

°

°

°

°Tratto da “La Nazione” del 04.04.2014

°

Borelli prodotti tipici 04042014°

clicka per ingrandire

 

 

Fonte: IL TIRRENO

20 marzo 2014

 

Rubrica: Economia

Ristorante griffato Vissani apre a Pian dei Mucini

 

Sarà un low cost: colazioni da 13 euro, piatti tipici e ricette reinventate

Un progetto Rai Eri per abbinare il nome dello chef alle società alberghiere

 

di Alfredo Faetti MASSA MARITTIMA Cene da non più di 50 euro. Prodotti tipici e ricette reiventate ma senza perdere l’anima del territorio in cui sono nati. Un posto di alta qualità low cost, insomma. Basterebbe già questo per rendere allettante la novità pronta a sbarcare a Massa Marittima, ma c’è di più. C’è un nome che in Italia e non solo è sinonimo di garanzia quando si tratta di fornelli: Gianfranco Vissani, lo chef reso noto oltre che dalle sue abilità anche da televisione e libri culinari. Ci sarà il suo nome infatti nel nuovo ristorante che troverà spazio nel resort di Pian dei Mucini un nuovo ristorante, dando seguito a un progetto editoriale portato avanti con altre società. Il nome del progetto e del ristorante che nascerà nel redivivo complesso turistico massetano si chiama “L’altro Vissani”. Si tratta di un’operazione messa in campo dallo stesso Vissani insieme a varie società, tra queste la Piazza di Spagna View, che ha preso in gestione il famoso resort, che sta portando il nuovo marchio con il nome dello chef in giro per tutta Italia. «Gli hotel italiani devono tornare ad essere luoghi di esperienza anche enogastronomica, settore di eccellenza e unicità del nostro Paese», ha spiegato Mauro Piccini, presidente di Piazza di Spagna View Compagnia Alberghiera, in occasione dell’apertura del primo “L’altro Vissani”, in un albergo a quattro stelle a Cortina. L’idea, in poche parole, è quella di mettere insieme la fama del cuoco televisivo e la capacità delle varie società di hotel, così da portare in tutto il Paese una nuova cultura del cibo. Tutto con un taglio editoriale, portato avanti da Rai Eri. Come ha spiegato il direttore commerciale Luigi De Siervo, «questo progetto è in grado di esportare nel mondo la tradizione, la storia e le eccellenze della cucina italiana, l’Altro Vissani non è semplicemente un prodotto ma un concetto editoriale che vuole raccontare la vera cucina della nostra tradizione». Sinergie, appunto, Che in un’ottica di sviluppo portano il nome e le tecniche dello chef in ristoranti nuovi di pacca. E la Piazza di Spagna View non si è fatta sfuggire l’occasione di portare la novità anche a Pian dei Mucini, preso in gestione da circa un anno. L’intento sarebbe quello di inaugurare “L’altro Vissani” maremmano (che poi sarà l’unico in Toscana) entro l’inizio della prossima stagione estiva. Ma che tipo si ristorante c’è da aspettarsi? L’ideatori del marchio assicurano che sarà low cost, alla portata di tutti. Dalle colazioni a 13 euro fino alle cene che andranno dalle 40 a 50 euro a persona (vini esclusi), preparate con prodotti tipici e ricette tradizionali, senza comunque rinunciare ad uscire dagli schemi. Basta vedere il menù inaugurato da poco a Cortina, dove alle specialità venete si aggiunge la carne di Chianina. Da scommettere anche a Massa Marittima diventerà uno dei piatti top.

°

°

Da “La Nazione” del 16/02/2014

°

Alta Maremma Rossi°

Clicka sull’articolo per ingrandire

°

Che cosa hanno fatto sinora per sviluppare il Turismo tutti i Comuni del Comprensorio (governati dal PD) se il presidente Rossi li esorta a realizzare un call center e una cartellonistica adeguata? NULLA! Siamo all’ABC, siamo a parlare di cartellonistica che ancora NON ESISTE!

°

Si sono improvvisamente accorti che chi prende un traghetto dovrebbe ricevere informazioni sul Duomo e noi aggiungiamo che anche chi viene a Follonica al mare dovrebbe ricevere informazioni su Massa Marittima città d’arte che dista solo 16 km…

°

 

 

 

 

Il Comune di Massa Marittima

offre visibilità anche a livello nazionale

ai soggetti che sosterranno le proprie manifestazioni estive

 

 

Pubblicato 14 febbraio 2014

 

Il Comune di Massa Marittima ha pubblicato un avviso per la ricerca di sponsor al fine di finanziare le manifestazioni estive comunali del 2014 e favorire la promozione turistica.

 

 

Massa Marittima richiama infatti durante l’estate numerosi visitatori sia italiani che stranieri e, proprio al fine di mantenere l’attività culturale estiva che interessa i luoghi più suggestivi della città come Piazza Garibaldi, la chiesa di Sant’Agostino ed altri suggestivi angoli del centro storico basso ed alto, l’Amministrazione Comunale sta ricercando soggetti interessati a sponsorizzare le sue più importanti e consolidate manifestazioni, tra cui Lirica in Piazza (che giunge quest’anno alla 29esima edizione), il Toscana Foto Festival alla sua 21esima edizione, il tradizionale concerto annuale dell’Orchestra Regionale della Toscana ed altri eventuali eventi da organizzare e promuovere. Il bando integrale è scaricabile cliccando qui. Potranno presentare richiesta di partecipazione alla selezione soggetti privati e pubblici quali enti, imprese, società, consorzi, associazioni, che intendono promuovere la propria immagine attraverso il partneariato con l’Amministrazione Comunale di Massa Marittima. Quest’ultima si impegnerà infatti ad inserire i riferimenti ed il logo degli sponsor in manifesti, brochure, libretti, locandine ed altri prodotti che verranno eventualmente stampati e che avranno, nel caso delle principali manifestazioni, diffusione nazionale, con inserimenti spesso in riviste specializzate o quotidiani a tiratura nazionale e naturalmente diffusione delle relative notizie e materiale pubblicitario, sul sito internet del Comune e dei soggetti che sono in convenzione per alcune manifestazioni, come nel caso di Lirica in Piazza, ACI, Touring Club Italiano, Unicoop Tirreno e Calidario Antiche Terme Etrusche. Le istanze di sponsorizzazione dovranno essere inviate al Comune entro le ore 12 del giorno 30 aprile 2014, mentre eventuali successive richieste saranno accettate su valutazione dell’ente. Tutti i dettagli ed il modulo di richiesta sono disponibili cliccando qui. o reperibili presso l’Ufficio Segreteria del Comune di Massa Marittima che fornirà anche informazioni agli interessati: tel: 0566/906243 – E-mail: s.poli@comune.massamarittima.gr.it.

 

°

°

da “La Nazione” del 12/02/2014

°

boom di turisti da La Nazione del 12 02 14°

Clicka sull’articolo per ingrandire

 

 

 

 

Un incremento delle presenze turistiche a Massa Marittima,

in particolare nel mese di Novembre

 

 

 

Fonte Comune di Massa Marittima 7 febbraio 2014

 

 

I dati 2013 pervenuti in merito alle presenze sul territorio comunale di Massa Marittima, evidenziano un aumento percentuale del 16,15% rispetto al 2012.

 

 

Si tratta di presenze in strutture alberghiere ed extra-alberghiere, che complessivamente per il 2013 hanno rilevato 134.411 presenze turistiche. Un incremento che ha raggiunto il suo picco percentuale nel mese di novembre con il 110,98% di turisti in più rispetto all’anno precedente. “Sono cifre confortanti – commenta l’assessore al turismo del Comune di Massa Marittima Flavio Zazzeri – poiché dimostrano un trend positivo di incremento turistico sul territorio. In particolare ho osservato con piacere la percentuale di incremento del mese di novembre in cui, grazie anche alla preziosa collaborazione delle associazioni e dei privati del territorio siamo riusciti a realizzare il “Novembre Grosso”, una manifestazione composta da eventi tematici proposti ad ogni week-end e musei gratuiti per tutto il mese. Visto che l’iniziativa ha portato nella zona un’interessante movimento, speriamo che con la prossima edizione, già in corso di organizzazione, possa consolidarsi per Massa Marittima e per i comuni circostanti un appuntamento fisso annuale per turisti e visitatori. Penso che stiamo andando per la giusta strada- conclude Zazzeri- e che si debba continuare a costruire iniziative, utilizzando lo stesso metodo di lavoro, basato sulla collaborazione tra pubblico, privati ed associazioni”.

 

 

 

 

 

 

 

Cassero

IMG_0110clicka per ingrandire

 

 

 

°

 

 

°

Fonte:  LA NAZIONE – 25 ottobre 2007

°

coopPROTESTA un nutrito gruppo di affiliati alla Sezione Soci Unicoop Tirreno per la precaria situazione del negozio di Massa, «terribilmente insufficiente, esiguo, inadatto a sostenere la stringente evoluzione del mercato». Rappresentati dal coordinatore del Comasam Lido Santini i soci si sono rivolti al presidente della sezione Luigi Lo Presti, al sindaco Lidia Bai e all’assessore alle attività produttive Dino Roccabianca, esprimendo tutto il loro disappunto per «la scarsa considerazione con cui la direzione generale dell’azienda gestisce il punto vendita di Massa». Ne consegue, «che tanti potenziali clienti massetani sono costretti a rivolgersi al negozio, gemello solo di nome ma non di fatto, di Follonica, ricchissimo nei contenuti ed efficiente al contrario del nostro, poverissimo, attanagliato da disagi continui e con attività sempre sterili». Follonica con 22 mila abitanti ha 7 supermercati di aziende diverse, mentre Massa, che assieme ai comuni dell’entroterra raggiunge 10 mila abitanti, ha solo una «mini Coop». «Massa Marittima con alle spalle una forte vocazione cooperazionista merita un trattamento diverso da quello che le viene rivolto da una azienda che così dimostra di guardare esclusivamente al guadagno economico incurante di dare un servizio migliore, e ciò solo perché, per sua fortuna, detiene in loco l’assoluto monopolio del mercato». Indubbiamente in presenza di concorrenza la Coop avrebbe agito diversamente adeguandosi a quanto effettuato in altre zone.

 

°

__________________________________________________________________________

 

°

Sono passati sette anni e non è successo niente.

 

I Massetani continuano a spostarsi in massa a Follonica per fare la spesa e conseguentemente, trovandosi lì, comprano tutto il resto facendo soffrire oltremodo le attività commerciali della nostra cittadina.

 

Occorre in tempi brevi “aprire” alla concorrenza in modo che gli abitanti di Massa abbiano più scelta e la stessa Coop uno stimolo per migliorarsi.

 

 

 


Entra
IL NOSTRO SPOT
Categorie
GRAZIE PER LA VISITA