Archivi per la categoria ‘Sprechi’

°

°

°

tratto da “La Nazione” del 20.12.2014

Telecentro20122014clicka per ingrandire

 

°

°

°

tratto da “La Nazione” del 16.11.2014

°

rossi16112014°

clicka per ingrandire

°

°

°

renzi

°

Queste le ultime novità della bozza del provvedimento varato dal Consiglio dei ministri.

°

SOCIETA’ PARTECIPATE: parte il piano di razionalizzazioni delle società partecipate locali: entro il 2015 saranno eliminate quelle ‘non indispensabili’ e quelle che svolgono ‘attività analoghe o simili’ a altri enti. Il controllo sulla realizzazione del piano è affidato alla Corte dei Conti.

°

Nella nostra realtà pensiamo che A.ma.tur, srl della quale il Comune di Massa detiene il 31% delle quote, debba essere la prima ad essere eliminata non solo perchè non indispensabile ma soprattutto perchè ha sempre avuto bilanci pessimi che hanno drenato pesantemente le casse comunali negli ultimi anni.

°

Ci piacerebbe sapere cosa ne pensa il Sindaco Giuntini che di A.ma.tur è anche stato presidente. Noi, nel frattempo, stiamo raccogliendo tutte le carte per chiarire molti aspetti oscuri e  “aiutare” la Corte dei Conti… a decidere

°

°

°

°

°

spreco-di-soldi-pubblici°

°

°

Il Sindaco Lidia Bai a “La Nazione”  (05.05.2006)

°

°

sindaco «La Farmacia non verrà privatizzata, con un saldo attivo intorno ai 300.000 euro è essenziale per le casse dell’ente locale».

 

°

Nel 2006 il Sindaco Lidia Bai sottolineava l’importanza della Farmacia per le casse del Comune, allontanando le ipotesi di privatizzazione e cercando di giustificare la scelta di modificare la ragione sociale della farmacia con il fatto di aggirare l’ostacolo del patto di stabilità…

°

Dal 2006, infatti la farmacia comunale è diventata una srl uninominale di proprietà del Comune di Massa Marittima.

°

Fino al 2006, come ricordato dal Sindaco, le entrate della Farmacia Comunale rappresentavano un importante voce nel bilancio del nostro Comune (300.000 euro di saldo attivo!).

°

Cosa è successo dopo?

°

Negli ultimi 5 anni, benchè il fatturato sia stato più che lusinghiero (sempre oltre il milione di euro), gli utili si sono praticamente azzerati!

°

Dove sono finiti tutti questi soldi? Sono stati bruciati?

°

Dopo uno, due anni di bilanci con un utile azzerato, nell’interesse dell’Ente, l’Amministrazione avrebbe dovuto rimettere tutto in discussione e invece…

°

°

Farmacia Comunale

°

°

°

SPRECHISecondo quanto riferito nella lettera:

°

http://www.funzionepubblica.gov.it/lazione-del-ministro/rivoluzione-al-governo-/riforma-della-pa-la-lettera-di-matteo-renzi-e-marianna-madia-ai-dipendenti-pubblici.aspx

°

Renzi e Madia si propongono di realizzare il loro progetto seguendo tre linee guida:

°

°
1. Il cambiamento comincia dalle persone..

°
2. Tagli agli sprechi e riorganizzazione dell’Amministrazione..

°
3. Gli Open Data come strumento di trasparenza. Semplificazione e digitalizzazione dei servizi..

°

Ciascuna di queste tre linee guida, secondo Renzi e Madia, richiede provvedimenti concreti.
Ne Il cambiamento comincia dalle persone, al punto n.13, si enuncia:

….
13) ABOLIZIONE DELLA FIGURA DEL SEGRETARIO COMUNALE

°

Se lo dicono loro ….

°
Noi ci fidiamo sulla parola

°

°°

tratto da “La Nazione” del 15.05.2014

Amatur 15052014

clicka per ingrandire

°

°

°

Con questa tabella andiamo in dettaglio e vediamo le spese correnti (nella seconda riga della tabella generale pubblicata nell’altro post troverete i totali della presente).

 

Classificazione spese correnti°

°

“Rispetto alle spese correnti, il sottoscritto Revisore dei Conti, evidenzia che la differenza sostanziale in aumento che si rileva in particolare nei trasferimenti è dovuta al fatto che, nel 2012, sono state trasferite all’Unione dei Comuni due funzioni (Istruzione e Polizia locale) e l’Ente trasferisce le risorse per il funzionamento dei servizi.”. Queste sono le parole del Revisiore dei Conti (Rag. Eligio Macelloni) nella relazione sul rendiconto 2013.

Benissimo Signori Amministratori MA IL RISPARMIO DOV’E’ ?

IL TOTALE DELLE SPESE CORRENTI E’ AUMENTATO

DI 250.000 EURO INVECE DI DIMINUIRE! 

Le esternalizzazioni dei servizi (outsourcing) vanno poste in essere quando c’è un risparmio per l’Ente e non quando ce lo ordina la politica!

°

 

 

°

°

lavoriGiusto ieri, da cittadino del paese nonché pensionato, me ne sono andato a fare due passi per via Mascagni e ho potuto vedere l’ultimo lavoro realizzato ed adeguatamente pubblicizzato perché fatto sotto elezioni.

°

Trattasi di un lavoro di demolizione del vecchio muro deteriorato, sbancamento per realizzare qualche posto macchina e piccolo parco giochi con relativo muretto di sostegno alto 50-60 cm ed allargamento della strada.

°

Fin qui nulla da dire; leggo poi il cartello di cantiere e scopro il più grosso controsenso che uno si possa aspettare:

°

il progettista è un Architetto dipendente del Comune

il coordinatore in fase di progettazione è lo stesso Architetto progettista

il direttore dei lavori è un Ingegnere professionista esterno

il coordinatore in fase di esecuzione è lo stesso Ingegnere esterno

°

Domanda: se era un opera che richiedeva competenze ingegneristiche non poteva essere progettata da un Architetto, ma se il progetto è stato redatto da un Architetto non serviva un Ingegnere per la Direzione lavori.

°

Normalmente se si richiedono competenze tipiche di un Ingegnere, e non si ha in organico un Ingegnere si procede ad un incarico esterno e si tiene la Direzione dei lavori in casa.

°

Tutto questo dove trova spiegazione?

°

Chissà, grande mistero! Così come appare all’uomo della strada sembra l’ennesimo spreco di denaro pubblico e quindi altro che lavoro elettorale, è l’ennesima autorete sulla nostra pelle.

°

 

 

 

 

 

 

Massa Marittima

 

   

Ieri sera si è tenuto l’incontro a cui hanno partecipato il Sindaco Lidia Bai, l’assessore all’urbanistica Daniele Morandi, la responsabile dell’Ufficio urbanistica Assuntina Messina ed il redattore della relazione di monitoraggio Andrea Pistolesi.

°

L’incontro è stato incentrato sulla presentazione della “relazione di monitoraggio e verifica dello stato di attuazione del Piano Strutturale e del Regolamento Urbanistico”

°

Questa relazione,  che è una mera descrizione di quello che è stato fatto e di quello che non è stato fatto (le operazioni di monitoraggio) a livello di regolamento urbanistico, poteva essere svolta direttamente dall’Ufficio Urbanistica, a COSTO ZERO per il Comune.

°

Il Comune, invece, adducendo motivazioni quantomeno discutibili come l’impossibilità per il personale di realizzarla in tempi rapidi e l’urgenza di averla subito disponibile, ha incaricato l’architetto Pistolesi di effettuare la relazione per 27.000 euro… era il 13 Dicembre 2012

°

La convenzione stipulata con il professionista stabiliva che il lavoro, essendo urgente, dovesse essere consegnato entro 35 giorni…

°

Ma i documenti necessari all’espletamento dell’incarico sono stati consegnati al Pistolesi solo il 14 Giugno 2013; fra l’altro gli stessi documenti riguardavano le trasformazioni avvenute sul territorio OVVERO COSTITUIVANO ESSI STESSI IL MONITORAGGIO degli effetti del Regolamento Urbanistico.

°

PISTOLESI consegnava il lavoro il 22 Luglio 2013 e la Giunta lo recepiva l’08 Agosto 2013.

°

Il paradosso, poi, sta nel fatto che, della Relazione redatta da PISTOLESI, l’architetto MESSINA ha dovuto fare un’ulteriore Relazione che ne SINTETIZZASSE il contenuto agli organi politici!!!

°

In più questa relazione non è mai stata resa disponibile alla cittadinanza e non si capisce come mai l’incontro di ieri sera non sia stato programmato subito dopo che il Comune è entrato in possesso di questa relazione urgente e cioé lo scorso anno…

°

Lo scopo di questo incontro era quello di “avviare le forme di consultazione e partecipazione con portatori d’interesse, cittadini, compagini economiche e sociali del territorio”.

°

Un fiasco completo da questo punto di vista!

°

I cittadini, quando hanno avuto la parola,  non hanno mancato di far pervenire all’Amministrazione pesanti critiche per le condizioni di degrado e di abbandono dei centri storici delle frazioni e di Massa.

°

I numerosi tecnici presenti all’incontro hanno dato delle indicazioni importanti sulla possibilità di recuperare gli edifici dei centri storici e al tempo stesso di riqualificarli dal punto di vista energetico smentendo di fatto quello che aveva affermato poco prima l’architetto Pistolesi.

°

A nostro avviso per far ripartire Massa occorre mettere mano al regolamento urbanistico con un approccio completamente diverso da quello che è stato seguito finora.

°

Accanto ad un nuovo regolamento andranno riviste le politiche fiscali che attualmente penalizzano le seconde case e le attività commerciali dei centri storici, andranno ripensati i parcheggi e le relative tariffe nonchè il piano del traffico.

°

Tutto ciò per dare nuova vitalità al centro storico di Massa e ai centri storici delle frazioni che, come ricordava Dino Petri, hanno rappresentato per secoli, un importante luogo di aggregazione per i massetani.

 

 

 

°

 

°farmaremma°

°

www.farmaremma.it/far-maremma/chi-siamo

°

 

Azienda partecipata del Comune che non produce utili ma solo spese (vedi specchietto sopra).

°

A nostro modesto avviso questa azienda, come tanti altri baracconi inutili alla collettività ma utilissimi al sistema politico, andrebbe abolita.

°

I politici locali (nei cui curricula non manca quasi mai un incarico in essa) vi partecipano sotto varie forme percependo generosi gettoni di presenza.

°

Fanno parte dell’Italia delle giacchette… personaggi spesso di dubbie capacità che, grazie alla politica, occupano allo stesso tempo diverse poltrone, ingrossando il proprio portafogli.

°

Basta dare un’occhiata all’organigramma…

°

farmaremma2°

°

…. per renderci conto della sproporzione tra il numero di persone coinvolte e il risultato prodotto…

°°

http://www.farmaremma.it/attivita/progetti-dellagenzia

 

°

°

 


Entra
IL NOSTRO SPOT
Categorie
GRAZIE PER LA VISITA