Fonte:  LA NAZIONE

14 ottobre 2014

 


«No all’autostrada, adeguiamo l’Aurelia» Nuovo corteo per contestare il progetto Iniziata la raccolta delle firme a sostegno della richiesta

 

IL FRONTE «NO SAT» si prepara alla imponente manifestazione di domenica 26 ottobre. In vista dell’appuntamento ieri il coordinamento dei comitati, movimenti, forze politiche ed associazioni si sono ritrovati per firmare il manifesto No Sat Day 3. Un incontro quello di ieri che ha rappresentato una sorta di antipasto a quella che sarà la vera grande manifestazione per dire «No» alla realizzazione del progetto dell’autostrada Tirrenica. L’evento del 26 vedrà confluire a Grosseto le ondate di protesta al progetto autostradale: carovane di automobili partiranno dalla costa tra Livorno e Civitavecchia facendo tappa nei vari comuni interessati dal progetto, per poi terminare il proprio percorso nel centro storico di Grosseto. Ieri mattina si sono ritrovati a Grosseto esponenti della politica locale come il Movimento 5 Stelle, Sel e Rifondazione Comunista, ma anche associazioni ambientaliste come Legambiente, Italia Nostra e il comitato «Salviamo le pinete litoranee». Le richieste vertono su argomenti comuni: ritirare definitivamente il progetto autostradale, mantenendo pubbliche la superstrada variante Aurelia da Rosignano a Grosseto sud e la statale Aurelia da Grosseto sud a Civitavecchia; impedire l’assoggettamento a pedaggio, garantendone la gratuità per tutti gli utenti; non elargire fondi pubblici a Sat ed al progetto autostrada Tirrenica; aprire un tavolo di confronto con i sindaci, organizzazioni e cittadini delle comunità interessate finalizzato ad ammodernare e mettere in sicurezza la statale Aurelia a sud di Grosseto mantenendola pubblica e gratuita e coinvolgendo nelle scelte le comunità locali. «Vogliamo una strada pubblica, sicura e non a pagamento — dice Michele Scola di Italia Nostra —. Il 26 la protesta partirà da Livorno e Civitavecchia per arrivare a Grosseto alle 15. Invitiamo tutti i sindaci interessati e soprattutto il primo cittadino di Grosseto». In attesa della protesta, ieri c’è stata la firma del manifesto. «Porteremo il manifesto firmato nel prossimo Consiglio comunale di Grosseto — spiega Giacomo Gori capogruppo consiliare Movimento 5 Stelle —, in quell’occasione l’Amministrazione sarà costretta ad ascoltarci».
Andrea Capitani

Lascia un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento


Entra
IL NOSTRO SPOT
Categorie
GRAZIE PER LA VISITA