Fonte:  IL TIRRENO

08 ottobre 2014

 


Dagli incassi delle farmacie pubbliche 52mila euro da destinare a iniziative e progetti sociali Fondi per gli sfratti e contributi alla scuola

 

FOLLONICA Fondi per l’emergenza sfratti, bonus per i nuovi nati, contributi a sostegno di attività didattiche e per la sicurezza all’uscita delle scuole. Il denaro arrivato nelle casse comunali grazie agli incassi delle due farmacie pubbliche viene suddiviso dall’amministrazione del Golfo in più settori e la scelta è stata accolta con favore da tutta l’opposizione. Si tratta di 52mila euro (dei 61mila circa incassati dai due punti vendita, di cui circa novemila appunto sono stati trattenuti come riserva economica per eventuali emergenze), 22mila dei quali verranno destinati al progetto sociale che vede il Comune impegnato nel sostenere economicamente i follonichesi che si trovano sotto sfratto per morosità dovute alla crisi economica. Un paracadute sociale fortemente voluto dall’attuale sindaco Andrea Benini, che occupandosi in prima persona dell’emergenza abitativa sa bene quanto, in questo momento, il problema casa sia diffuso: ogni giorno in Comune aumentano i casi di chi, trovandosi in difficoltà, chiede un aiuto da parte dell’ente pubblico. I 22mila euro serviranno quindi a raddoppiare il fondo già presente, così da tamponare le situazioni che via via si palesano. Altro denaro andrà ad aiutare le famiglie che avranno un figlio: si tratta di una cifra non altissima, circa 150- 200 euro a bebè, un piccolo aiuto per chi si trova ad affrontare le molte spese che implica oggi mettere al mondo un bambino. Ancora, 6500 euro serviranno per l’acquisto di kit destinati ai ragazzi follonichesi che frequentano la terza media, per apprendere la tecnica di rianimazione cardiopolmonare, cioè il massaggio cardiaco e la respirazione artificiale necessari in caso di arresto del battito: la valigetta, che verrà donata agli studenti, è composta da un manichino gonfiabile dotato di un meccanismo a scatto per lo svolgimento corretto delle compressioni. Altri tremila euro andranno a finanziare un progetto simile a quello svolto fino a questo anno dai nonni vigile: in pratica si tratterà di rintracciare dei loro sostituti disponibili a presenziare l’ingresso e l’uscita dei bambini da scuola per aiutarli nell’attraversare la strada e per regolare la mobilità veicolare. Infine 500 euro andranno nell’acquisto di un defibrillatore per l’università dell’Età libera. «Un grande risultato sia in termini di gestione che di servizi resi – commenta il vicesindaco, Andrea Pecorini – che ci fa ben sperare per il futuro e conferma le scelte intraprese dall’amministrazione follonichese negli anni. Tanti i servizi per i cittadini, una farmacia intesa pure come supporto ai bisogni dell’utenza, personale preparato, formato e disponibile, ingredienti necessari ad un utile che si è quasi triplicato in un anno (nel 2012 gli incassi ammontavano a 24mila euro circa). Questo ha fatto sì che anche i consiglieri di opposizione abbiano votato a favore il bilancio». (p.v.)

 

Lascia un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento


Entra
IL NOSTRO SPOT
Categorie
GRAZIE PER LA VISITA