La DIFFAMAZIONE (art. 595, codice penale) è un delitto contro l’onore ed è definita come l’offesa all’altrui reputazione, comunicata a più persone con la parola, lo scritto ed ogni altro mezzo di comunicazione.

La DIFFAMAZIONE è AGGRAVATA, con maggiorazione della pena, se l’offesa consiste nell’ATTRIBUZIONE DI UN FATTO DETERMINATO, se è RECATA A MEZZO STAMPA o è RECATA A UN CORPO POLITICO.

Un po’ come, solo per fare un esempio, se una delle formazioni che concorrono alle elezioni amministrative scrivesse FALSAMENTE, addirittura sul proprio programma elettorale [agli atti di Comune e Prefettura], una frase del genere al riguardo di una Lista avversaria:

«L’area ex Agraria, realtà in cui giovani famiglie sono costrette a vivere in una zona non completata a causa del comportamento irresponsabile del movimento civico Massa Comune e di suoi dirigenti».

Talvolta, è risaputo, si commettono (o si fanno commettere ad altri) azioni imprudenti…

Un Commento a “Nozioni di Diritto: la diffamazione aggravata”

  • Oscar De Paoli scrive:

    Per molto molto meno, diciamo tre puntini, sono stato querelato per diffamazione a mezzo stampa e successivamente assolto perché il fatto non sussiste.

    Con le debite proporzioni,  cosa dovrebbero fare ai ragazzi del Giuntini?

Lascia un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento


Entra
IL NOSTRO SPOT
Categorie
GRAZIE PER LA VISITA