LA NAZIONEpecore alla camilletta

Rassegna stampa quotidiana della Provincia di Grosseto

Web www.provincia.grosseto.it e-mail urp@provincia.grosseto.it

2013-09-01

 

 

PANORAMA POLITICO

«Quanti soldi buttati per la Camilletta»

 

 

DOPO le polemiche sollevate dalla provocazione del cartello «cercasi branco di pecore» affisso alla rete del campo della Camilletta, è ora il gruppo Massa Comune rappresentato da Francesco Mazzei, Federico Montomoli e Gennaro Orizzonte a sparare a zero nei confronti dell’amministrazione sulle discutibili condizioni di manutenzione del campo di calcio della Camilletta, da anni in stato di abbandono ed in grado di costituire un potenziale pericolo, in caso di incendio, per le numerose abitazioni circostanti. L’impianto sportivo, nato alla fine degli anni Ottanta e finanziato allora con due mutui per un importo di circa un miliardo e mezzo di lire, puntualizza il maggior gruppo di opposizione, «è sempre stato scarsamente utilizzato per le carenze progettuali, ed i diversi sindaci e assessori allo sport che si sono succeduti non sono mai riusciti a venire a capo di questa grave situazione, fonte di un gravissimo sperpero di denaro pubblico. Eppure — affermano Mazzei, Montomoli e Orizzonte — secondo l’ex vice sindaco ed assessore allo sport Sergio Martini, ora presidente del Consiglio Provinciale, i lavori di manutenzione del 2008, per un importo di 30mila euro, finanziati stornando fondi dalle altre associazioni sportive, avrebbero dovuto garantire la praticabilità del campo, sulla base di indirizzi definiti dai competenti uffici comunali, presieduti dall’architetto Sabrina Martinozzi». Una decisione sbagliata, sentenzia Massa Comune, «alla quale si opposero soltanto i consiglieri Ovi e Cappelloni, che richiamarono il sindaco e la maggioranza ad abbandonare il progetto, ricercando casomai le risorse pubbliche e private necessarie per la realizzazione del terreno di gioco in manto sintetico, già approvato dal Comune nel 2003, il cui importo era nel frattempo lievitato da 334mila a 370mila euro e che oggi sarebbe ancora più elevato. Risorse che sarebbero state sicuramente nella disponibilità dell’amministrazione comunale».

 

Lascia un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento


Entra
IL NOSTRO SPOT
Categorie
GRAZIE PER LA VISITA